Se stai pensando di affittare la tua seconda casa leggi qui:

locare un immobile può diventare un valido strumento per ottenere una rendita passiva extra; come fare?

Partiamo dal presupposto che possedere oggi un immobile e tenerlo sfitto è un costo che pochi possono permettersi.. la tassazione sugli immobili sfitti negli ultimi anni è diventata pesante ( un immobile sfitto sito nello stesso comune dell’abitazione principale è tassato ai fini Irpef del 50% in più, e lo stesso vale per gli immobili concessi a titolo gratuito a parenti e affini); IMU con aliquota massima, IREF e addizionali al 50%, e può esserci anche la TASI…

Affittare quindi per coprire i costi fiscali di manutenzione e perché no, crearsi una piccola rendita!

Come fare?

Comincia con scegliere il tipo di contratto che fa al caso tuo; attualmente sul mercato ci sono varie tipologie di contratti di locazione che possono essere utilizzate; vediamole:

Locazione ad uso transitorio

si tratta di una particolare tipologia di contratto di locazione dalla durata compresa tra 1 e 18 mesi, legato a temporanee esigenze (non turistiche) dell’inquilino, che richiede di un immobile solo per un particolare periodo (ad esempio per lavoro).

Locazione turistica 

è un contratto transitorio, che ha durata massima di 30 giorni. Il vantaggio di tale contratto è che non richiede la registrazione presso l’Agenzia delle Entrate ed è vantaggioso soprattutto per chi possiede una casa da affittare in una zona ad alta frequentazione turistica.

Locazione a studenti universitari

anche questa è una particolare categoria di contratto legato a particolari esigenze che possono avere gli studenti universitari. Il contratto ha durata massima di 36 mesi, da considerare se il vostro immobile è situato nelle vicinanze di un polo universitario.

Locazione a canone libero

è la tipologia più comune di contratto di locazione. Ha una durata fissa di 4 anni, prorogabili automaticamente per i successivi 4. E’ la tipologia che sicuramente da maggiore sicurezza al locatore di ottenere una rendita passiva per più anni.

Locazione a canone concordato

tipologia particolare di locazione frutto di accordo tra associazioni di proprietari e di affittuari, che stabiliscono Comune per Comune l’importo del canone di locazione, che è calmierato. In cambio di un canone calmierato, il locatore ha la possibilità di sfruttare benefici fiscali. Tale contratto ha durata di 3 anni, rinnovabili per i successivi 3.

Sottolineiamo, non solo perché di parte, che le agenzie immobiliari svolgono un ruolo importante nell’intermediazione tra proprietario ed inquilino, quindi, avere la consulenza di un intermediario è fondamentale. Abbiamo purtroppo visto, nella nostra ventennale esperienza, i disastri creati dal “fai da te” o da intermediari incompetenti…!!

Per qualsiasi ulteriore informazione contatta senza impegno i nostri esperti Solo Affitti Lecco che trovi in piazza Manzoni, 18 Lecco,  oppure ☎️ 0341.353644 –  lecco1@soloaffitti.it

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *