L’importanza del VERBALE DI CONSEGNA:

Di cosa si tratta?

Non è altro che un documento nel quale vengono annotati con precisione non solo gli elementi presenti nell’immobile, ma anche il loro stato.

Fondamentale quindi non dare nulla per scontato e armandosi di pignoleria, compilare attentamente il documento!

Spesso i contratti d’affitto comprendano una clausola generica circa il buono stato dell’immobile che l’inquilino dichiara di aver riscontrato nella visita allo stesso; consigliamo invece di dedicarci molta più cura e precisione, considerando il verbale di consegna un documento molto importante per far partire al meglio e con estrema chiarezza il rapporto tra affittuario e proprietà.

Pertanto vogliamo offrirvi brevi consigli per riuscire a compilare al meglio un documento che potrebbe mettervi al riparo da future contestazioni.

Evitare di usare quindi un prestampato fac simile magari usato nel precedente contratto, ma chiedere sempre una scrittura specifica, con la descrizione dettagliata delle condizioni dell’immobile.


Diversamente da quello che si pensa, per cui spesso il verbale viene consegnato solo nel caso in cui l’immobile sia arredato, in realtà il documento riporta un elenco dello stato degli impianti, dei pavimenti, dei muri, degli infissi, delle pertinenze come garage, cantina, giardino e, quindi, degli arredi e stoviglie se presenti.

Naturalmente andrebbe compilato sul luogo, (quindi nell’immobile oggetto del contratto) alla presenza di inquilino e proprietario che potranno accordarsi sulla definizione da attribuire allo stato dei vari elementi: buono, mediocre, scadente.


Ricordiamoci che lo scopo principale del verbale dovrebbe essere quello di evitare future contestazioni tra le parti alla riconsegna dell’immobile; quando il proprietario potrebbe attribuire all’inquilino (chiedendone il risarcimento) la colpa, ad esempio, delle macchie sul divano, che era stato però già nel verbale segnalato come macchiato; ma anche quando l’inquilino non potrà sfuggire dalla colpa di aver rotto la piastrella del bagno, dal momento che lui stesso aveva firmato un verbale nel quale chiaramente aveva riportato che le piastrelle del bagno erano in ottimo stato.

Suddividere l’elenco in vari capitoli aiuterà e renderà piu snella l’operazione di compilazione; per esempio:

IMPIANTI:
1) impianto elettrico_____________________________________ a norma _______________
2) impianto idraulico ____________________________________ a norma _______________
3) impianto di riscaldamento ______________________________ a norma _______________
4) impianto di condizionamento ___________________________ a norma _______________
5) impianto TV _________________________________________ a norma _______________

Riportare nel verbale se l’immobile viene consegnato tinteggiato o meno, il numero dei locali e dei servizi; il tipo di pavimento, le parti in un comune che si utilizzeranno, le chiavi di cui si prende possesso, un elenco di tutti gli oggetti, se presenti, con descrizione e numero (per esempio piatti gialli, numero 6).

Anche se vi sembrerà di eccedere in pignoleria e di annoiarvi un po’ ricordatevi che è un lavoro preventivo per la futura serenità del periodo d’affitto. Non dimenticate di allegare anche delle foto che descriveranno molto chiaramente lo stato dell’elemento analizzato.

Massima precisione dedicandoci il giusto tempo faranno sì che in futuro non dobbiate incorre in discussioni e scontri!

Ricordiamoci che in “ballo” abbiamo anche il deposito cauzionale da riconsegnare nel caso all’inquilino uscente da parte del padrone di casa!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *