Canone Rai chi lo paga? Proprietario o conduttore?

Sembra ormai definitiva la novità prevista nella legge di stabilità 2016 che ha fissato il nuovo importo del canone rai in 100 euro, il canone Rai sarà dovuto in dieci rate mensili che si pagheranno con la fattura bimestrale della bolletta elettrica (ma non prima del luglio 2016).

imagesLa novità introdotta rispetto al pagamento del canone Rai attraverso la bolletta Enel non cambia la natura del rapporto di affitto che prevede, in caso di contratto d’affitto, il versamento del canone Rai è a carico dell’inquilino.

L’inquilino è tenuto al pagamento del canone Rai anche se il televisore è già presente nell’immobile (arredato) e quindi di proprietà del locatore e a maggior ragione il versamento del canone Rai grava sull’inquilino che abbia acquistato il televisore e, quindi, ne sia anche il legittimo titolare.

A volte capita che per l’immobile concesso in affitto, l’inquilino non ha volturato l’utenza Enel (rimane intestata al proprietario), ma ha disponibilità del televisore e quindi dovrà provvedere direttamente al pagamento del canone Rai. L’inquilino o il comodatario in questi casi pagheranno con metodo tradizionale, ovvero attraverso il bollettino premarcato.

 

fonte: www.blogaffitto.it

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *