BABBO NATALE E LE RICHIESTE DEGLI ITALIANI!

Nel 2016 l’Italia sarà uno dei 3 Paesi dove si spenderà di più per le festività e

il 46% degli italiani vorrebbe ricevere quest’anno come regalo di Natale un viaggio…!!
Più probabilmente invece riceverà un libro o un profumo….( ah ah ah !!)

A fare il pronostico è la Deloitte Xmas Survey, che ha raccolto l’opinione di oltre 6.500 consumatori in 9 Paesi tra cui l’Italia ( Belgio, Danimarca, Germania, Grecia, Italia, Polonia, Portogallo, Russia, Spagna) per sondarne le intenzioni di spesa riguardo regali, cibo e divertimenti.

Con il Black Friday appena terminato, inizia ufficialmente in questi giorni la corsa ai regali di Natale e in Europa quest’anno si spenderanno in media 517 Euro, poco meno di quanto si è speso l’anno scorso (524 Euro).

Dopo i significativi cali nelle previsioni di spesa per le festività natalizie registrati negli ultimi anni (nel 2015 -3,0%), quest’anno anche gli Italiani dichiarano che spenderanno all’incirca come l’anno scorso: 614 Euro in media, contro i 620 Euro del 2015 (-1,0%, in linea con la media degli altri Paesi europei: -1,3%).

Come nel resto d’Europa, anche in Italia la situazione economica continua a essere fonte di preoccupazione e incertezza, ma i nostri connazionali non sembrano disposti a rinunciare al Natale. Infatti, il budget destinato dagli Italiani alle festività di fine anno risulta inferiore solo a quello di Danimarca e Spagna, Paesi caratterizzati da una condizione economica giudicata in modo più positivo dagli intervistati.

I viaggi continuano a collocarsi sul podio dei regali più desiderati dagli Italiani, insieme a soldi e libri. Cresce, inoltre, l’attenzione per tutti i regali ‘esperienziali’ (cinema, mostre, musei, massaggi, cene al ristorante). Nel contempo, si ridimensiona quella indirizzata a prodotti tecnologici e smartphone.

Le aspettative degli Italiani rischiano, tuttavia, di essere in gran parte deluse: il budget natalizio destinato al comparto ‘viaggi’ risulta in netto ridimensionamento in tutta Europa (-6,8%), in particolare in Belgio (-18,4%); se si escludono i libri (best seller indiscussi delle festività 2016), circa 1 consumatore su 3 continuerà a prediligere, nella scelta dei regali natalizi, beni più tradizionali come dolciumi/cioccolato, scarpe/abbigliamento e cosmetici/profumi.

In crescita gli acquisti online; il Web si conferma essere il principale canale di riferimento in fase di scelta e comparazione dei prezzi, anche se per finalizzare le spese ci si reca ancora in negozio: il 74% degli Italiani e il 76% degli Europei continua, infatti, a portare a termine il processo d’acquisto nel punto vendita.

In Italia, però, la quota di consumatori che dichiara che effettuerà online i propri acquisti natalizi eguaglia oramai quella degli altri Paesi Europei (38% Italia; 40% Europa) e si rileva addirittura una maggior presenza di consumatori che prevede di comprare tramite smartphone i regali da mettere sotto l’Albero (17% verso 10% in Europa).

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *